Quattroruote presenta

Montagne outdoor

cornacci-e-dos-dai-branchi
Ciaspole

Cornacci (2189 m) e Dos dai Branchi (2274 m)

Località Trentino: Val di Fiemme
Durata 6 h
Dislivello della salita 700 m
Difficoltà EE*
Esposizione nordovest
Lunghezza 9,5 km

Escursione lunga, ma con un dislivello contenuto. La prima parte si svolge lungo un fitto bosco e può essere evitata partendo direttamente dalla Val di Stava in località Pont de Vasa (1356 m), ma in questo caso conviene predisporre un mezzo all’Alpe Pampeago per il ritorno. La salita in Val del Slavin è piuttosto ripida e richiede una certa prudenza, ma sarà ampiamente ripagata dal tratto seguente lungo l’aereo crestone tra Cornon, Dos dai Branchi e Censi.

Descrizione salita

Descrizione salita

Da Pampeago si prende verso sudovest la traccia che, passando da un piccolo bacino artificiale, percorre il fianco sinistro orografico della Val di Stava. Dopo una breve discesa si giunge a un bivio quasi sul fondo della Val del Slavin (indicazioni), dove si prende a sinistra il sentiero n° 523 che inizia a salire in direzione sudest. Questa parte della salita può essere faticosa poiché il sentiero è stretto e ripido e il fondo su cui si cammina può risultare poco agevole. Poco sopra ci si porta sul versante opposto della valletta nei pressi del Mandriccio (1927 m), affacciandosi sui dirupi che precipitano verso sud (prestare attenzione), e si affronta l’ultima parte della salita fino a uscire sulla sella (2152 m) subito a nord della vetta dei Cornacci (2189 m), che si raggiunge in pochi minuti (la croce si trova poco più a sud).

Descrizione discesa

Descrizione discesa

Tornati sui propri passi, si ignora verso destra la traccia che scende al vicino baito Armentagiola (o Armentaiola, 2130 m) e si prosegue sul largo crinale districandosi tra i mughi (alcuni tratti ripidi e possibile neve ventata) fino alla vetta del Dos dai Branchi (2274 m). Si continua verso nord sul crinale e in breve si giunge all’ampia sella della Bassa (2168 m), a breve distanza dall’omonimo baito. Dall’Armentagiola si può arrivare qui anche con il sentiero n° 523 che rimane più basso della cresta sul lato orientale. Dalla Bassa si continua verso nordest a sinistra dei Censi lungo una traccia evidente (segnavia n° 514), oppure percorrendo il largo crinale (segnavia n° 509), e in breve si raggiunge il rifugio Monte Agnello, da dove si scende a Pampeago con la seggiovia o a piedi lungo le piste.

Note

Note

*media difficoltà, escursionisti esperti

Main banner
Editoriale Domus SpA

Via G. Mazzocchi, 1/3 20089 Rozzano (Mi) - Codice fiscale, partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 07835550158 R.E.A. di Milano n. 1186124 - Capitale sociale versato € 5.000.000,00 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Lic. SIAE n. 787/I/07-908

Servizio meteo fornito da 3BMETEO