Quattroruote presenta

Montagne outdoor

punta-saldura-3435-m
Scialpinismo

Punta Saldura (3435 m)

Nel paradiso dello sci alpinismo

Località Alto Adige: Val Senales
Durata 5 h
Dislivello 1497 m
Difficoltà BSA
Esposizione E-SE

"Un paradiso assoluto dello scialpinismo" così la guida alpina Uli Kössler definisce le montagne della Val Senales dopo decenni di scorribande sulle montagne dell'Alto Adige sugli sci. Pendii ampi, vedrette, ghiacciai con pendenze moderate costituiscono infatti un terreno ideale per gli amanti delle salite con le pelli. I valichi dove oggi si passa con gli sci sono stati percorsi dall'uomo fin dalle epoche più remote, come dimostra il ritrovamento del cacciatore neolitico Ötzi al Giogo di Tisa o l'antica via di transumanza fra Val Senales e valle di Vent, ancora oggi utilizzata. L'ascensione con gli sci al sito archeologico di Ötzi è la meta di una delle gite con guida alpina organizzate dall'Associazione Turistica Val Senales, pensate sia per i principianti sia per gli esperti. La stagione migliore per apprezzare gli scenari d'alta quota della Val Senales è proprio l'inverno, quando il manto nevoso permette di muoversi agevolmente su ghiacciai e giogaie d'alta quota. Attenzione però, perchè in questi ambienti bisogna valutare bene le condizioni del manto nevoso (pericolo valanghe) e quelle del meteo per l'eventualità di perturbazioni che, sulla cresta spartiacque, possono rivelarsi molto violente. L'ascensione alla Punta Saldura riassume i caratteri dello scialpinismo dalla zona: ampi panorami, ghiacciai a perdita d'occhio e discese inebrianti in valli incontaminate.

Periodo

Periodo

Dicembre - Giugno

Accesso

Accesso

Masi Kofel a Maso Corto (1938 m).

Descrizione salita

Descrizione salita

Dai masi Kofler si costeggia una staccionata in legno fino a un crocevia, da dove si seguono le indicazioni del sentiero n. 4 e n. 5. Si imbocca la solitaria Valle di Lagaun che si risale sul fondo fino a una caratteristica piramide rocciosa. Si risale quindi l'evidente canalone che si incontra di fronte, alternando tratti ripidi a tratti pianeggianti. Si arriva così alla magnifica vedretta di Lagaun, un luminoso pianoro glaciale da dove la vista spazia verso le maggiori cime a 360 gradi: la Schlanderer Spitze, il Saldura e il Lagaun. Dalla qui si punta verso la parete sud di Punta Saldura guadagnando altri 150 metri di dislivello. Dalla base si può salire a piedi al centro della parete rocciosa oppure andare più avanti e individuare un canalino nevoso che traversa a destra per giungere alla cresta sommitale. Dalla cima il panorama è fantastico: a nord il Palla Bianca, la Wildspitze, i ghiacciai dell'Oztaler, a est il Similaun e il Gruppo di Tessa. Si domina un mondo di vette imbiancate a perdita d'occhio che sembrano messe lì apposta per gli sciatori alpinisti.

Descrizione discesa

Descrizione discesa

La discesa si effettua dallo stesso itinerario. In alternativa si può scendere lungo la ripida e difficile parete nordest, passando dalla malga Lazaun verso Maso Corto.

Attrezzatura

Attrezzatura

Normale dotazione più ramponi

Punto Culminante

Punto Culminante

Punta Saldura 3435 m

Informazioni

Informazioni

Guide Alpine Passiria-Senales - tel. 0473 656188 - 338 5614461; Ludwig Gorfer - tel. 335 5853007

Credits - Merano Marketing: Stefan Schütz, Mario Enterio
Main banner
Editoriale Domus SpA

Via G. Mazzocchi, 1/3 20089 Rozzano (Mi) - Codice fiscale, partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 07835550158 R.E.A. di Milano n. 1186124 - Capitale sociale versato € 5.000.000,00 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Lic. SIAE n. 787/I/07-908

Servizio meteo fornito da 3BMETEO